I materiali ed oggetti a contatto con gli alimenti (MOCA) sono al centro di una novità legislativa, la quale ha introdotto specifiche sanzioni per i diversi casi di violazione delle rispettive normative europee dedicate a tale argomento.

Le nuove disposizioni sono contenute all’interno del Decreto Legislativo n°29 del 10.02.2017, in vigore dal 2 Aprile 2017. Ma, prima di entrare nel dettaglio della disciplina sanzionatoria introdotta dal suddetto Decreto, è opportuno richiamare l’attenzione su alcuni punti e definizioni cardine del discorso.

Parlare di materiali a contatto con gli alimenti significa parlare di quei materiali ed oggetti che, nelle diverse fasi di produzione, stoccaggio, imballaggio, distribuzione e vendita degli alimenti, vengono a contatto con questi, anche molto prima del loro consumo. Il principale problema è da individuare nel possibile passaggio (migrazione) delle sostanze chimiche dal materiale all’alimento, con il rischio della modifica della composizione, dell’alterazione delle proprietà del prodotto e della conseguente salute umana. Garantire un elevato livello di salvaguardia della salute umana e della tutela del consumatore è divenuta, dunque, una necessità. Questa esigenza, nel corso degli anni, si è tradotta nell’emanazione di alcuni importanti Regolamenti (Reg. CE n.1935/2004, Reg. CE n.1895/2005, Reg. CE n.2023/2006, Reg. CE n.282/2008, Reg. CE n.450/2009, Reg. UE n.10/2011). Ciò che mancava era un sistema sanzionatorio specifico per i diversi casi di violazione delle rispettive normative.

A tal proposito, il recente Decreto Legislativo n.29 del 10.02.2017 sana la lacuna nel nostro ordinamento: detta, infatti, la disciplina sanzionatoria applicabile ai casi di violazione della normativa europea. Le sanzioni amministrative oggetto del Regolamento si applicano a chiunque fabbrica, produce, trasforma, importa ed immette sul mercato materiali ed oggetti a contatto con gli alimenti, disciplinati dalla normativa europea precedentemente indicata.

Nello specifico, le sanzioni introdotte sono molteplici, sempre “salvo che il fatto costituisca reato

Icon
Icon
Icon
Icon

Newsletter



© Copyright 2021 by Gruppobucciarelli | Created by Yuma Comunicazione | Privacy Policy | Cookie Policy